Strumenti personali
Tu sei qui: Home / Archivio Mostre / Anno 2009 / Andrea Inzani

La poesia del creato

LE SALE DEL PODESTA’ OSPITANO LA MOSTRA RETROSPETTIVA DEL PITTORE SORESINESE ANDREA INZANI (1939 – 1969)

DSC_3866.JPG

23 DICEMBRE 2009 – 31 GENNAIO 2010


COMUNICATO STAMPA
Com’è ormai gradita consuetudine, la città di Soresina intende onorare, durante le feste natalizie, alcuni dei suoi più illustri artisti dedicando loro una mostra retrospettettiva. L’amministrazione comunale ha pertanto deciso di promuovere una mostra dedicata ad Andrea Inzani. L’inaugurazione si terrà mercoledì 23 dicembre, alle ore 17.15. La rassegna, accompagnata da un ampio catalogo, che propone un centinaio di pezzi selezionati, è curata dallo studioso d’arte Simone Fappanni e dal responsabile delle Sale del Podestà, Roberto Dellanoce. Dopo l’introduzione dei curatori, è previsto un recital poetico offerti dai componenti della Compagnia “Franco Arcari”, dagli Amici del Teatro “Enzo Chiroli” e da Anna Maria Weitzer. Il volume, oltre a un testo introduttivo del sindaco, Giorgio Armelloni, e dell’Assessore provinciare Chiara Capelletti, propone un testo di Raffaella Inzani, figlia dell’artista, intitolato “Mio padre, uno spirito libero”, oltre a testi critici tratti da archivi soresinesi, memorie di amici-pittori e diversi contributi critici. Una mostra da non perdere realizzata grazie alla sensibilità di numerosi collezionisti ed estimatori di Inzani che, con grande senso civico, hanno prestato i lavori allestiti negli spazi di Via Matteotti.

CENNI BIOGRAFICI
Andrea Inzani nacque nel giugno 1939 a Soresina (Cremona), in via San Francesco. Frequentò i corsi della Scuola d’arte di Soncino, e si è dedicò con passione, fin da bambino, al disegno e alla pittura. Talento cristallino, allievo del noto scultore Leone Lodi, si è distinto, sin dagli esordi, come uno fra i più promettenti artisti della provincia. Trasferitosi a Cremona, in Cantarane (via Antica Porta Tintoria), diede vita a un cenacolo di artisti alquanto frequentato; prese parte a numerose mostre collettive e allestì apprezzate personali. Per un certo periodo si stabilì in Sardegna. Morì a Soresina il 21dicembre 1969 a soli trent’anni lasciando la giovane moglie, Maria e la figlia Raffaella, che allora aveva soltanto nove anni. Sue opere sono presenti un Svizzera, Francia, Germania e Stati Uniti. La sua città natale gli ha dedicato una strada.

NOTA CRITICA
Scrive Simone Fappanni: « Se è vero che un artista deve essere un creativo, allora Andrea Inzani è un artista nel senso più pieno e autentico del termine. Occorre dirlo senza reticenze o superflue cautele. E tutto ciò conferma, se mai ce ne fosse bisogno, che anche esperienze pittoriche maturate in provincia non sono da considerarsi “provinciali” laddove la qualità dell’iter stilistico si configuri come un percorso di ricerca nel quale ispirazione e tecnica si fondono per dare vita a un linguaggio poetico estremamente fluido, in grado, cioè, di affascinare per ampiezza e pregnanza ideativa. L’arte di Andrea Inzani, autore scomparso a soli trent’anni ma in grado di lasciare una traccia profonda e un’eredità artistica nell’arte della nostra provincia, riuscendo a farsi apprezzare sia in Italia che all’estero, come testimonia la presenza di suoi pezzi in diverse nazioni. Ciò si evince scorrendo le varie sezioni della mostra, che comprende paesaggi, volti, figure, marine, fiori e nature morte».

La mostra rimane aperta fino al 31 gennaio 2010 secondo i seguenti orari: feriali, dalle ore 17,30 alle 19, festivi dalle ore 10 alle 12 e dalle 15-19, ingresso libero.


:: GALLERIA FOTOGRAFICA ::

 

Azioni sul documento